TARI (tassa rifiuti) per aziende agricole

SONO ESONERATI I SEGUENTI FABBRICATI AGRICOLI:
l) gli immobili di stretta pertinenza di fondi destinati all’esercizio dell’agricoltura, dell’allevamento, del florovivaismo e della silvicoltura, come ad esempio i locali di ricovero delle attrezzature e delle derrate, i fienili, le stalle, le serre per l’esposizione delle piante, con esclusione della parte abitativa della casa colonica e degli spazi destinati alla vendita dei prodotti al dettaglio, alla somministrazione e alla ricettività;
E’ l’articolo n 8 . comma i) del REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TASSA RIFIUTI TARI del Ministero delle Finanze (MEF).

CLICCA QUI PER LEGGERE IL REGOLAMENTO DEL MINISTERO

TARI

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

Autore: Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

9 pensieri riguardo “TARI (tassa rifiuti) per aziende agricole”

  1. Buongiorno
    Ho letto della normativa per la TARI. Volevo chiedere da quando è attiva tale regolamento, se cioè nello specifico nel 2015 era già cosi. Mi è arrivata la TARI del 2015 e sono un’azienda agricola. Stando a quanto scritto pare non sarebbe dovuta.
    Grazie

      1. Buonasera
        Volevo chiederle, se con la nuova tariffa puntuale TARIC, gli agriturismi sono esentati dal pagamento della quota fissa e di quella variabile, potendo usufruire del servizio di smaltimento di altri gestori, non pubblici
        Grazie

      2. Buonasera Dott. Santoni, gentilmente mi potrebbe inviare il link di detta circolare del 12/4/2021 da parte del ministero, in quanto mi è arrivato un avviso di accertamento per omessa e/o infedele denuncia riguardo un caseggiato in campagna utilizzato esclusivamente per deposito attrezzi agricoli. In attesa ringrazio e porgo distinti saluti
        Angelo

          1. Grazie. Ho inoltrato una istanza in autotutela, ma continuano a rispondermi picche….. vogliono una certificazione di coltivatore diretto, ma io sono solo proprietario di un piccolo fondo, terreno di circa 7000 mq con annesso deposito attrezzi c/2 di circa 70 mq e dove peraltro vi è la sola utenza elettrica per azionare la pompa acqua per il pozzo per irrigare il fondo. Anche se non sono coltivatore diretto, credo che non debba pagare la TARI per un deposito attrezzi agricoli c/2. Cosa ne pensa Dott. Santoni?

            1. deve consegnare attribuzione P. Iva e assicurarsi che il C2 abbia nella visura catastale l’annotazione di requisito agricolo: la legge non parla di coltivatore diretto, parla di possesso di partita iva agricola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.