Blog

PAC 2024 – BCAA 8 La Commissione propone di consentire agli agricoltori dell’UE di derogare per un anno a determinate norme agricole

Anziché mantenere i terreni lasciati a riposo o non produttivi sul 4 % dei loro seminativi, gli agricoltori dell’UE che coltivano colture azotofissatrici (come lenticchie, piselli o favi) e/o colture intercalari sul 7 % dei loro seminativi saranno considerati conformi al requisito. Le colture intercalari sono piante che crescono tra due colture principali. Queste colture possono servire da foraggio per gli animali o da concime verde. L’uso di colture azotofissatrici e intercalari comporta una serie di benefici ambientali per la salute del suolo, compresa la biodiversità del suolo e per la limitazione della lisciviazione dei nutrienti. Le colture devono essere coltivate senza prodotti fitosanitari per mantenere l’ambizione ambientale della PAC.

CLICCA QUI SOTTO PER LEGGERE LA MODIFICA

OBBLIGO ROTAZIONE COLTURALE – BCAA 7 (Buona Condizione Agronomica ed Ambientale, che sancisce l’obbligo di avvicendamento per i seminativi) – anno di applicazione 2024.

OBBLIGO ROTAZIONE COLTURALE – BCAA 7 (Buona Condizione Agronomica ed Ambientale, che sancisce l’obbligo di avvicendamento per i seminativi) – anno di applicazione 2024.

Si applica per tutte le aziende con superficie maggiore di 1o ettari

Chi ha applicato l’ecoschema 4 è obbligato a rispettare la rotazione. chi invece non lo ha applicato, la rotazione parte dal Il 2024, quindi, deve essere considerato l’anno zero del comportamento dell’agricoltore il cui adempimento alla regola sarà misurato solo nel 2025 con il controllo della coltura praticata nell’anno 2025 rispetto al 2024. Pertanto, e a titolo di esempio, l’agricoltore che semina mais nel 2024, sarà sanzionato nel caso in cui, nel 2025, non rispetti l’obbligo di rotazione, intesa come cambio di genere botanico.

PER COLTURA INTERCALARE CHE SERVE PER FAR RISPETTARE LA ROTAZIONE , tenuto conto della difficoltà di accertamento della fase di raccolta, si precisa che l’impegno si intende soddisfatto con il mantenimento in campo della coltura secondaria per almeno 90 giorni. QUINDI NON SERVE RACCOGLIERE LA SECONDA COLTURA BASTA CHE CI SIA NEL TERRENO PER 90 GIORNI. QUESTO SERVE PER AD ESEMPIO CHI VUOLE FARE GRANO SU GRANO: RACCOGLIE GRANO SEMINA COLTURA INTERCALARE PER 90 GIORNI E POI PUO’ RISEMINARE GRANO.

Piano d’azione nazionale per la produzione biologica

Decreto Ministeriale 20 dicembre 2023 n. 696735 di adozione del “Piano d’azione nazionale per la produzione biologica”, ai sensi dell’articolo 7, della legge 9 marzo 2022 n. 23

#pianoazioneproduzionebiologica

CLICCA QUI PER LEGGERE IL DECRETO

DOMANDE FILIERE – SCADENZA 15 GENNAIO 2024

CONTRIBUTO

Per la campagna 2023 si prevede per ogni ettaro coltivato oggetto del contratto di filiera aiuti pari a:

400 €/ettaro per il mais;

250 €/ettaro per le proteine vegetali (legumi e soia);

300 €/ettaro per il frumento tenero da sementi certificate;

200 €/ettaro per l’orzo.

CONDIZIONI DI ACCESSO AL CONTRIBUTO

Possono accedere all’aiuto le imprese agricole che:

coltivino mais, proteine vegetali (legumi e soia), frumento tenero, orzo riportati nel fascicolo aziendale;

abbiano sottoscritto, entro il 28 novembre 2023, contratti di filiera di durata almeno triennale, direttamente o attraverso cooperative, consorzi e organizzazioni di produttori riconosciute di cui sono socie, o che sottoscrivano contratti di filiera con imprese di trasformazione / stoccaggio / commercializzazione.

Inoltre le imprese richiedenti sono obbligate ad aderire ad un impegno di coltivazione di durata annuale e incrementale rispetto alla media delle superfici dichiarate per la coltura oggetto dell’aiuto. Il calcolo è effettuato sulla base dei piani di coltivazione grafici (presenti nel fascicolo aziendale grafico) utilizzati per la domanda unica presentata nel triennio precedente.

#contributofiliere2023

DOMANDA UNICA 2024 (DOMANDA PAC) – OBBLIGO SEMENTE CERTIFICATA

E’ uscito il decreto con l’elenco dei quantitativi minimi di seme da utilizzare per la coltivazione di frumento duro, girasole e colza, riso, barbabietola da zucchero e soia, nonché il numero minimo di materiale di propagazione per unità di superficie per la coltivazione di pomodoro da trasformazione per la domanda Pac 2024 (domanda unica 2024).

Oltre alla fattura bisogna conservare anche i cartellini dei sacchetti del seme.

CLICCA QUI PER LEGGERE IL DECRETO

REGISTRO TRATTAMENTI AGGIORNATO ALL’INTERNO DEL FASCICOLO AZIENDALE SIAN, DALL’ANNO 2024

Dal prossimo 2024 il registro dei trattamenti dovrà essere compilato all’interno del portale SIAN , nel fascicolo aziendale dell’azienda : lo prevede il D.M. 1° marzo 2021

il registro dei trattamento online prevede:

trattamenti fitosanitari (svolti con agrofarmaci, corroboranti e sostanze di base);

fertilizzazioni (sia concimazioni con fertilizzanti chimici,

prodotti organici, biostimolanti, correttivi e ammendanti, sia gli spandimenti di reflui o altre sostanze organiche);

irrigazioni;

operazioni di campo;

operatori;

macchine agricole;

localizzazione dei magazzini dei vari prodotti.

Una volta aggiornato il piano colturale grafico, si potrà georeferenziare su mappa tutti i trattamenti, diserbi e piano concimazione.

SARA’ UNA NOVITA’ DI NON POCO CONTO!!!!

QUI PER LEGGERE IL DECRETO

OBBLIGHI DOMANDA PAC – BCAA 5

PER TUTTE LE AZIENDE CHE PRESENTANO DOMANDA PAC

BCAA 5 – Gestione della lavorazione del terreno per ridurre i rischi di degrado ed erosione del suolo, tenendo anche conto del gradiente della pendenza

Per terreni con una pendenza media superiore al 10%, che manifestano fenomeni erosivi, in assenza di sistemazioni idraulico-agrarie, si applicano i seguenti impegni:

– la realizzazione, ove praticabile, di solchi acquai temporanei distanti tra loro non più di 80m, collegati ai fossi collettori e negli alvei naturali, o, in alternativa, la lavorazione secondo le curve di livello (ad esempio, contour tillage o girapoggio), unitamente al divieto di effettuare livellamenti non autorizzati.

– Il divieto di lavorazioni di affinamento e sminuzzamento del terreno (ad. es. fresatura) a seguito dell’aratura, per un periodo di 60 giorni consecutivi compresi nell’intervallo temporale tra il 15 settembre e il 15 febbraio