LEGGE DI BILANCIO 2021 : MISURE SETTORE AGRICOLO

LEGGE DI BILANCIO 2021 : MISURE SETTORE AGRICOLOapprovata il 30/12/2020- agevolazione contribuzione INPS ai nuovi giovani agricoltori- detassazione reddito agrarioe altre misure qui di seguito indicate: MISURE PER LO SVILUPPO DELLA FILIERA AGRICOLAIstituzione del Fondo per la competitività delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura150 milioni di euro per un Fondo dedicato alla promozione e al sostegno delle filiere, per accrescere competitività, qualità della produzione, qualità e quantità dei livelli occupazionali, favorendo le migliori forme di organizzazione di filiera.Rifinanziamento ed estensione delle finalità del Fondo suinicolo.10 milioni di euro destinati anche al miglioramento delle condizioni di sostenibilità nelle aziende zootecniche, di produzione e trasformazione della carne.Istituzione del Fondo per la tutela e il rilancio della filiera apistica, brassicola, della canapa e della frutta a guscio.10 milioni di euro per il 2021Stoccaggio privato di vini DOC, DOCG e IGT.10 milioni di euro per la misura dello stoccaggio privato di vini DOC, DOCG e IGT certificati o atti a divenire tali e detenuti in impianti situati nel territorio nazionale.Iniziative finalizzate alla valorizzazione delle tradizioni enogastronomiche, delle produzioni agroalimentari e industriali italiane e della dieta mediterranea e del contrasto al fenomeno dell’Italian sounding.3 milioni di euro nel triennio 2021-2023INFRASTRUTTURE E RETI IRRIGUEInvestimenti infrastrutturali per il rafforzamento del settore, la tutela del suolo, la mitigazione ambientale, il contrasto al dissesto idrogeologico.630 milioni nei prossimi 7 anni Si confermano e si rafforzano gli investimenti per le infrastrutture irrigue, l’agricoltura di qualità, il contrasto al dissesto idrogeologico e la tutela di beni non rinnovabili come aria, acqua, suolo.MISURE A FAVORE DELLE EMERGENZE ALIMENTARI E CONTRO LO SPRECOFondo emergenza alimentareIncremento di 40 milioni di euro per l’anno 2021 del Fondo per la distribuzione di derrate alimentari alle persone con fragilità sociali e alimentari, per garantire la tutela alimentare delle fasce di popolazione più fragili, limitando e riducendo e lo spreco alimentare.MISURE DI SOSTEGNO FISCALE E CONTRIBUTIVOEsenzione IRPEF nel 2021 per i redditi dominicali e agrari dei coltivatori diretti e degli imprenditori agricoli professionali.82 milioni di euro per l’esenzione IRPEF dei redditi dominicali e agrari dei coltivatori diretti e degli imprenditori agricoli professionali.Esonero contributivo per i giovani coltivatori diretti e imprenditori agricoli.55 milioni di euro per l’esonero contributivo totale per 24 mesi per i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli under 40 che si iscrivono nella previdenza agricola nel 2021.Rifinanziamento della misura “Donne in campo”.15 milioni di euro per la concessione di mutui a tasso zero per iniziative volte allo sviluppo e al consolidamento di aziende agricole condotte da imprenditrici attraverso investimenti nel settore agricolo, nella trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli. Mutui concessi nel limite di 300 mila euro, della durata massima di 15 anni comprensiva del periodo di preammortamento.Proroga delle agevolazioni IVA per le cessioni di animali vivi, bovini e suini e riduzione IVA al 10% per piatti pronti e pasti cotti.20 milioni di euro per il 2021Credito di imposta per le reti di imprese agricole e agroalimentari aderenti alle “Strade del Vino”.15 milioni di euro nel triennio 2021-2023 per la realizzazione di infrastrutture informatiche per commercio elettronico.Esenzione dal pagamento dell’imposta di registro minima per i terreni agricoli.1,5 milioni di euro per il 2021 per l’esenzione dell’imposta di registro nella misura fissa di 200 euro agli atti di trasferimento a titolo oneroso di terreni agricoli di valore fino a 5 mila euro.”Bonus Verde”.Proroga del bonus che prevede l’agevolazione fiscale per la sistemazione a verde di abitazioni private. Detrazione d’imposta lorda del 36% per una spesa massima di 5 mila euro.CREAZIONE DI FORESTE URBANE E PERIURBANE NELLE CITTA’ METROPOLITANE3 milioni di euro per il 2021: integrazione del finanziamento del programma sperimentale di messa a dimora di alberi e per la creazione di foreste urbane e periurbane, nelle città metropolitane.TUTELA DELLE AZIENDE AGRICOLE DANNEGGIATE DA CALAMITA’ NATURALI E FITOSANITARIERifinanziamento del Fondo di solidarietà nazionale interventi assicurativi.60 milioni di euro nel triennio 2021-2023 per il finanziamento del Fondo di solidarietà nazionale per interventi assicurativi, al fine di dare continuità agli interventi pubblici sulla spesa assicurativa agricola.Rifinanziamento del Fondo di solidarietà nazionale interventi indennizzatori.70 milioni di euro nel 2021 per il finanziamento del Fondo di solidarietà nazionale interventi indennizzatori, per il ristoro delle aziende agricole danneggiate da avversità atmosferiche e fitosanitarie.MISURE A SOSTEGNO DELLE FILIERE DELLA PESCA E DELL’ACQUACOLTURAIstituzione del Fondo a sostegno delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura (vedi sopra)Programma nazionale triennale della pesca e dell’acquacoltura.7 milioni di euro per il 2021 per finanziare il Programma finalizzato all’adozione di azioni per lo sviluppo del settore della pesca e dell’acquacoltura, nel campo della formazione, informazione e qualificazione professionale.Fondo di solidarietà nazionale della pesca e dell’acquacoltura.14 milioni di euro nel triennio 2021-2023 per il finanziamento del Fondo di solidarietà nazionale della pesca e dell’acquacoltura, per il supporto economico alle imprese e le famiglie degli operatori del settore ittico colpiti da disgrazie in mareProroga dei termini per il rilascio di concessioni di beni demaniali.Estensione della platea di beneficiari delle proroghe di termini per il rilascio di concessioni di beni demaniali marittimi lacuali e fluviali con finalità turistiche-ricreative, ad uso pesca e acquacoltura, ed attività produttive connesse.TUTELA REDDITUALE DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORITrattamento di sostegno al reddito in favore dei lavoratori adibiti alla pesca.31 milioni di euro per il 2021 per il trattamento di sostegno al reddito, riconosciuto per una durata massima di 90 giorni nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2021 ed il 30 giugno 2021, per i lavoratori della pesca che hanno subito una sospensione o riduzione dell’attività lavorativa, o una riduzione del reddito, a causa del Covid-19.Finanziamento indennità per fermo pesca obbligatorio e non obbligatorio.19 milioni di euro nel 2021 per l’indennità, pari a 30 euro giornaliere, per ciascun lavoratore dipendente da impresa adibita alla pesca marittima, compresi i soci lavoratori delle cooperative della piccola pesca, in caso di sospensione dal lavoro derivante da misure di arresto temporaneo obbligatorio e non obbligatorio.Proroga della concessione della Cassa integrazione salariale operai agricoli (CISOA).Proroga della possibilità di ricorso alla CISOA per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica, per n massimo di 90 giorni nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2021 e il 30 giugno 2021.RAPPORTI CON LE REGIONIRientro debiti nei confronti delle Regioni.20 milioni di euro per l’anno 2021 per la restituzione delle risorse anticipate dalle Regioni per interventi di concorso pubblico nel pagamento degli interessi sul credito di soccorso alle imprese agricole danneggiate da calamità e da avversità atmosferiche eccezionali.RAFFORZAMENTO DELL’AMMINISTRAZIONERafforzamento attività MIPAAF.1milione di euro per il 2021 e 6,6 milioni annui dal 2022. Sono previste 86 nuove assunzioni nel 2021 e 54 nuove assunzioni nel 2022Integrazione dell’indennità agli ispettori dell’ICQRF.1,5 milioni di euro per il 2021: per lo svolgimento delle attività di controllo e tutela, anche durante la pandemia, della qualità dei prodotti del settore agroalimentare italiano.Completamento del processo di stabilizzazione dei lavoratori precari del CREA.5 milioni annui dal 2021.Rafforzamento del personale e del fabbisogno finanziario AGEA.2 milioni di euro per il 2021 e 4 milioni di euro annui dal 2022 per 61 assunzioni nel 202110 milioni per il 2021, per garantire la corretta erogazione dei servizi affidati all’Agenzia.

CLICCA QUI PER LEGGERE IL COMUNICATO DEL MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE

bilancio

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

APICOLTURA – REGIONE MARCHE

CONTRIBUTI PARI AL 60% DELL’INVESTIMENTO EFFETTUATO DAGLI APICOLTORIPRESENTAZIONE DOMANDE SUL “SIAR”: entro e non oltre ven. 22 gennaio 2021 alle ore 13:00.investimenti previsti: Attrezzatura varia (solo arnie antivarroa D.B., dissuasori acustici, sublimatori e bilance )Beneficiari:apicoltori singoli o associati già detentori al momento della presentazione della domanda di almeno 20 arnie e che debbono risultare in Banca Dati Apistica (BDA).Spesa massima ammissibile per :- € 100,00 IVA esclusa con le seguenti caratteristiche: stanziali anti varroa, a 10-12 favi D.B., con fondo mobile a rete, complete di melario e telaini, verniciate.- € 200,00 IVA esclusa: dissuasore acustico per la prevenzione dei danni agli apiari causati dal Gruccione (max 1 per azienda)- € 400.00 IVA esclusa: Sublimatore per acido ossalico per trattamenti anti varroa. (max 1 per azienda)- € 400,00 IVA esclusa : bilancia singola o doppia per arnie (max 2 per azienda).

CLICCA QUI PER LEGGERE IL BANDO DELLA REGIONE MARCHE

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

REGIONE MARCHE: Semplificazione amministrativa per gli interventi in ambito agricolo.

La Regione Marche snellisce le procedure del vincolo idrogeologico.Non saranno più soggette al nulla osta regionale lavori come:- le recinzioni senza fondamenta, quelle necessarie per la coltivazione dei terreni o l’allevamento (se non interferiscono con i fossi demaniali o naturali, le aree boscate), -la posa in opera di sostegni mediante percussione.- semplificazione per le procedure installazione cancelli, piccole tettoie (con fondamenta superficiali), reti interne, la posa in opera di serbatoi Gpl o Gas in aree pianeggianti, pavimentazioni che non impermeabilizzino il terreno, allacciamenti tecnologici alle strade esistenti con scavi superficiali, la messa in opera di guard-rail, l’apertura di cunette e tombini, di cartelli stradali pubblicitari, di eliminazione delle barriere architettoniche, la realizzazione di modeste opere di sistemazione idraulico forestale.

CLICCA QUI PER LEGGERE IL COMUNICATO DELLA REGIONE MARCHE

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

CAMERA DI COMMERCIO: PAGAMENTO DIRITTO ANNUALE 2021

DIRITTO ANNUALE 2021

CLICCA QUI PER LEGGERE LA NOTA DEL MINISTERO

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

COSTITUZIONE DI FORME ASSOCIATIVE O CONSORTILI DI GESTIONE DELLE AREE SILVO-PASTORALI.

COSTITUZIONE DI FORME ASSOCIATIVE O CONSORTILI DI GESTIONE DELLE AREE SILVO-PASTORALI.CONTRIBUTO ALLE SPESE PARI AL 100%E’ stata disposta la proroga dei termini per la presentazione della domanda di partecipazione al Bando di selezione delle proposte progettuali per la costituzione di forme associative o consortili di gestione delle aree silvo-pastorali – FSC 2014-2020, POA sottopiano 3, al 12 febbraio 2021.

– Per ogni singola domanda di sostegno è prevista una copertura del 100% dei costi ammissibili e fino ad un massimo di euro 200.000,00 (duecentomila).

Per l’intervento di cui al punto 1 dell’articolo 3.3 del presente bando:

a) costi relativi ad attività promozionali, di informazione, di sensibilizzazione e animazione locale al fine di promuovere e diffondere la gestione forestale sostenibile, attraverso le forme associate o consortili delle proprietà silvo-pastorali;

b) costi per attività di studio, indagine, ricognizione e censimento dei beni sulla zona interessata dal progetto necessari: i) all’individuazione degli elementi costitutivi della struttura associativa o consortile di gestione delle proprietà silvo-pastorali, al fine di determinare una strategia di sviluppo locale volta a migliorare le modalità di gestione delle superfici interessate ed a valorizzare le vocazioni produttive e ambientali locali; ii) al miglioramento delle modalità di gestione delle superfici dei consorzi o delle forme associative già costituite;

c) costi di progettazione per la redazione di documenti preparatori per la costruzione della cartografia tematica del territorio forestale interessato e per l’attività di consultazione e aggiornamento dei dati catastali;

d) costi per l’acquisto di materiali e attrezzature necessari per le attività di gestione tecnico-amministrativa;

e) costi organizzativi di natura tecnica amministrativa per il coordinamento dei soggetti aderenti alla forma associativa costituita o costituenda.

– Per l’intervento di cui al punto 2 dell’articolo 3.3 del presente bando:

a) costi per attività di studio, indagine, ricognizione e censimento dei beni sulla zona interessata dal progetto, necessari: i) all’individuazione degli elementi costitutivi della struttura associativa o consortile di gestione delle proprietà silvo-pastorali, al fine di determinare una strategia di sviluppo locale volta a migliorare le modalità di gestione delle superfici interessate e a valorizzare le vocazioni produttive e ambientali locali; ii) al miglioramento delle modalità di gestione delle superfici dei consorzi o delle forme associative già costituite;

b) costi per spese amministrative relative alla costituzione e prima gestione di consorzi o di altre forme associative, variazioni statutarie di gestione di consorzi o di altre forme associative già costituite, spese notarili;

c) costi di progettazione per la redazione di documenti preparatori per la costruzione della cartografia tematica del territorio forestale interessato e per l’attività di consultazione e aggiornamento dei dati catastali;

d) costi per la redazione del piano pluriennale e della relazione tecnica illustrativa;

e) costi per l’acquisto di materiali e attrezzature necessari per le attività di gestione tecnico-amministrativa tra cui, a titolo esemplificativo, l’acquisto di strumentazione e programmi informatici (hardware e software);

f) costi organizzativi di natura tecnico-amministrativa per il coordinamento dei soggetti aderenti alla forma associativa costituita o costituenda.

CLICCA QUI PER LEGGERE IL BANDO DEL MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

VITICOLTURA: autorizzazioni per nuovi impianti viticoli – annualita’ 2021

Ai sensi dell’art. 63 del regolamento (CE) n. 1308/2013 ai fini del rilascio di autorizzazioni per nuovi impianti viticoli, per l’annualita’ 2021, e’ disponibile una superficie di 6760 ettari, pari all’1% della superficie vitata nazionale riferita alla data del 31 luglio 2020, integrata dalle superfici autorizzate di nuovi impianti oggetto di rinuncia nella annualita’ 2020.

CLICCA QUI PER LEGGERE IL DECRETO DEL MINISTERO

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

AZIENDE AGRICOLE: NIENTE CUMULO TRA CREDITO D’IMPOSTA DEL 40% E CONTRIBUTI DA PROGRAMMI PSR.

AZIENDE AGRICOLE: NIENTE CUMULO TRA CREDITO D’IMPOSTA DEL 40% E CONTRIBUTI DA PROGRAMMI PSR.Articolo de Il Sole 24 Ore.La Commissione Ue conferma che il credito di imposta previsto dalla legge 160/2019 non si configura come aiuto di Stato, mentre il programma di sviluppo rurale introduce aliquote di sostegno massime vincolanti che non possono essere superate in alcun caso. La percentuale massima stabilita dal regolamento UE considera qualsiasi contributo pubblico quale è anche una esenzione dall’onere fiscale che rappresenta comunque un sostegno pubblico. Conclude la Commissione che il sostegno Psr per le spese ammissibili può essere concesso in combinazione con il credito di imposta, ma la somma degli aiuti deve rimanere entro i limiti dell’allegato II al regolamento Ue. Le Regioni hanno subito preso atto e divulgato il blocco posto dalla Comunità.

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO DE IL SOLE 24 ORE

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

DEPOSITO GASOLIO AGRICOLO: CISTERNE E CONTENITORI PER GASOLIO AGRICOLO

L’Agenzia delle Dogane con la CIRCOLARE N. 47/ 2020 del 3 dicembre 2020 chiarisce che le imprese agricole sono esonerate dalla tenuta del registro carico e scarico del gasolio e della comunicazione periodica, con questi tipi di depositi:- capacità pari o inferiore a 10 metri cubi nonché gli apparecchi di distribuzione automatica di carburanti per i medesimi usi collegati a serbatoi la cui capacità globale è pari o inferiore a 5 metri cubi.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA CIRCOLARE DELL’AGENZIA DELLE DOGANE.

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

CONTROLLO FUNZIONALE E TARATURA DELLE MACCHINE IRRORATRICI

Sulla base di quanto stabilito dal DM 4847/2015 per le attrezzature per uso professionale utilizzate per la distribuzione di prodotti fitosanitari, sia in ambito agricolo sia extra agricolo, riportate nell’allegato I del DM 4847/2015 (vedi elenco sotto riportato), il primo controllo funzionale doveva essere effettuato già entro il 26 Novembre 2016; l’intervallo fra i controlli successivi non deve superare i cinque anni fino al 31 dicembre 2020 e i tre anni per le attrezzature controllate successivamente a tale data, per le aziende che usano le irroratrici per conto proprio. Elenco, non esaustivo, delle attrezzature utilizzate, sia in ambito agricolo sia extra agricolo, per la distribuzione di prodotti fitosanitari: A1) Macchine irroratrici per la distribuzione su colture a sviluppo verticale (es. trattamenti su colture arboree) – irroratrici aero-assistite (a polverizzazione per pressione, pneumatica e centrifuga); – irroratrici a polverizzazione per pressione senza ventilatore; – dispositivi di distribuzione a lunga gittata e con ugelli a movimento oscillatorio automatico; – cannoni; – irroratrici scavallanti; – irroratrici a tunnel con e senza sistema di recupero. A2) Macchine irroratrici per la distribuzione su colture a sviluppo orizzontale (es. diserbo colture erbacee) – irroratrici a polverizzazione per pressione, pneumatica e centrifuga con o senza manica d’aria con barre di distribuzione con larghezza di lavoro superiore a tre metri; – irroratrici con calate;- cannoni; – dispositivi di distribuzione a lunga gittata orizzontale con ugelli a movimento oscillatorio automatico; – irroratrici per il trattamento localizzato del sottofila delle colture arboree non dotate di schermatura; – irroratrici abbinate a macchine operatrici, quali seminatrici e sarchiatrici, che distribuiscono la miscela in forma localizzata, con larghezza della banda effettivamente trattata superiore a tre metri. A3) Macchine irroratrici impiegate per i trattamenti fitosanitari alle colture protette – irroratrici fisse o componenti di impianti fissi all’interno delle serre, come le barre carrellate; – irroratrici portate dall’operatore, quali lance, irroratrici spalleggiate a motore; – irroratrici mobili quali cannoni, irroratrici con barra di distribuzione anche di lunghezza inferiore a tre metri e irroratrici aereo-assistite a polverizzazione per pressione, pneumatica o centrifuga. A4) Altre macchine irroratrici – irroratrici montate su treni; – irroratrici spalleggiate a motore, con ventilatore. Si ricorda anche che le macchine sopra descritte, quando destinate ad attività in conto-terzi, avevano l’obbligo di effettuare il primo controllo funzionale entro il 26 novembre 2014 e successivamente i controlli debbono avere una cadenza biennale. Inoltre in ottemperanza a quanto stabilito dall’art 2 del DM 4847/2015, a partire dal 26 novembre 2018 è obbligatorio il controllo funzionale anche per le seguenti attrezzature: a) irroratrici abbinate a macchine operatrici, quali seminatrici e sarchiatrici, che distribuiscono prodotti fitosanitari in forma localizzata o altre irroratrici, con banda trattata inferiore o uguale a tre metri; b) irroratrici schermate per il trattamento localizzato del sottofila delle colture arboree. I controlli funzionali successivi dovranno essere effettuati ad intervalli non superiori a sei anni. Se le stesse attrezzature sono in uso a contoterzisti, i controlli funzionali successivi dovranno essere effettuati ad intervalli non superiori a quattro anni. Si ritiene utile ricordare inoltre che il citato decreto esclude dal controllo le seguenti attrezzature: – irroratrici portatili e spalleggiate, azionate dall’operatore, con serbatoio in pressione o dotate di pompante a leva manuale; – irroratrici spalleggiate a motore prive di ventilatore, quando non utilizzate per trattamenti su colture protette.

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

OPERAI AGRICOLI A TEMPO DETERMINATO E INDETERMINATO

OPERAI AGRICOLI A TEMPO DETERMINATO E INDETERMINATO : retribuzioni contrattuali in vigore alla data del 30 ottobre 2020, per la determinazione delle retribuzioni medie salariali.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA CIRCOLARE INPS

Circolare_numero_138_del_03-12-2020_Allegato_n_1-DICEMBRE-2020

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube