Sicurezza antincendio per luoghi di lavoro a basso rischio di incendio.

DECRETO 3 settembre 2021 – GU Serie Generale n.259 del 29-10-2021

Il Decreto stabilisce criteri semplificati per la valutazione del rischio di incendio ed indica le misure di prevenzione, protezione e gestionali antincendio da adottare nei luoghi di lavoro a basso rischio d’incendio.

Sono considerati luoghi di lavoro a basso rischio d’incendio quelli ubicati in attività non soggette e non dotate di specifica regola tecnica verticale, aventi tutti i seguenti requisiti aggiuntivi:

a) con affollamento complessivo 100 occupanti; Nota Per attività non soggette si intendono quelle attività non ricomprese nell’elenco dell’Allegato I al decreto del Presidente della Repubblica n. 151 del 2011. Nota Per occupanti si intendono le persone presenti a qualsiasi titolo all’interno dell’attività.

b) con superficie lorda complessiva 1000 m2 ;

c) con piani situati a quota compresa tra -5 m e 24 m;

d) ove non si detengono o trattano materiali combustibili in quantità significative; Nota Generalmente, per quantità significative di materiali combustibili si intende qf > 900 MJ/m2 .

e) ove non si detengono o trattano sostanze o miscele pericolose in quantità significative;

f) ove non si effettuano lavorazioni pericolose ai fini dell’incendio.

CLICCA QUI PER LEGGERE IL DECRETO

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

Assunzioni donne svantaggiate 2021/22: ok dalla UE all’incentivo. Incentivo anche per le imprese agricole.

l’incentivo riguarda le seguenti 4 categorie:

1. donne con almeno cinquant’anni di età e “disoccupate da oltre dodici mesi”;

2. “donne di qualsiasi età, residenti in regioni ammissibili ai finanziamenti nell’ambito dei fondi strutturali dell’Unione europea prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi”.

Si precisa che il rapporto di lavoro può svolgersi anche al di fuori delle aree indicate;3. donne di qualsiasi età che svolgono professioni o attività lavorative in settori economici caratterizzati da un’accentuata disparità occupazionale di genere e “prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi”. Vedi l’articolo “Disparità uomo donna 2021 settori e professioni agevolabili”4. donne di qualsiasi età, ovunque residenti e “prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno ventiquattro mesi”. ( vanno conteggiati anche i contratti a termine di durata di almeno 6 mesi ovvero un’attività di collaborazione coordinata con remunerazione annua sia superiore a 8.145 euro o, ancora, un’attività di lavoro autonomo con reddito annuo lordo superiore a 4.800 euro

.La durata del periodo agevolato, si chiarisce che, l’incentivo:

– in caso di assunzione a tempo determinato, spetta fino a 12 mesi;

– in caso di assunzione a tempo indeterminato, spetta per 18 mesi;

– in caso di trasformazione a tempo indeterminato di un rapporto a termine già agevolato, è riconosciuto per complessivi 18 mesi a decorrere dalla data di assunzione.

L’incentivo spetta anche in caso di proroga del rapporto fino al limite complessivo di 12 mesi. Infine, si precisa che il periodo di fruizione può essere sospeso e differito esclusivamente nei casi di assenza obbligatoria dal lavoro per maternità. L’incentivo valevole per le sole assunzioni/trasformazioni effettuate nel biennio 2021-2022,• con conferma dell’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche• esonero del 100 per cento dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, nel limite massimo pari a 6.000 euro annui. Per il lavoro a tempo parziale, il massimale viene proporzionalmente ridotto .Nella determinazione delle contribuzioni oggetto dello sgravio è necessario fare riferimento alla contribuzione datoriale che può essere effettivamente esonerabile.

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO DI FISCO E TASSE .COM

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

BARBABIETOLA DA ZUCCHERO AIUTO NAZIONALE

Misure urgenti connesse all’emergenza da COVID-19.

L’importo unitario provvisorio per ettaro per il pagamento dell’acconto è pari ad € 911,25.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA CIRCOLARE AGEA

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

DISTRETTO GRANO DURO – REGIONE MARCHE

Grano duro – Regione Marche In fase di realizzazione il distretto produttivo marchigiano del grano duro .

Promosso dall’imprenditore agricolo Marino Mosconi di Camerata Picena (AN).

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

Imprese agrituristiche e vitivinicole: esonero contributivo INPSscadenza 20 novembre

Il decreto Sostegni bis (decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73) ha disposto l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali relativi alla mensilità di febbraio 2021, a favore dei datori di lavoro delle imprese delle filiere agricole appartenenti ai settori agrituristico e vitivinicolo, incluse le aziende produttrici di vino e birra. L’esonero è riconosciuto anche ai lavoratori autonomi in agricoltura.La circolare INPS 21 ottobre 2021, n. 156 fornisce le istruzioni operative riguardo all’ambito di applicazione delle disposizioni di legge, precisando i soggetti beneficiari, la misura dell’esonero, le risorse stanziate e la compatibilità con la normativa in materia di aiuti di Stato.Per accedere al beneficio i datori di lavoro dovranno presentare la domanda utilizzando lo specifico modulo telematico “Esonero Art. 70 D.L. n. 73/2021”, che sarà reso disponibile dall’Istituto nel Portale delle Agevolazioni (ex “DiResCo”).Per i lavoratori autonomi iscritti alla Gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali dei coltivatori diretti, mezzadri e coloni, il modulo “Esonero Art. 70 D.L. n. 73/2021” sarà reso disponibile nel Cassetto previdenziale Autonomi in agricoltura, all’interno della sezione “Comunicazione bidirezionale”, selenzionando la voce “Invio comunicazione”.La disponibilità del modulo per la presentazione delle domande sarà comunicata con un apposito messaggio, nel quale saranno fornite anche le indicazioni operative e le istruzioni contabili. L’istanza dovrà essere presentata entro 30 giorni dalla data di pubblicazione del messaggio.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA CIRCOLARE INPS

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

VITICOLTURA: SOSTEGNO AL SETTORE VITIVINICOLO. SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE SUL SIAN IL 15 NOVEMBRE

SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE SUL SIAN IL 15 NOVEMBRE

CONTRIBUTO:

il 40% della spesa effettivamente sostenuta, per investimenti realizzati da micro, piccole o medie imprese (cfr. paragrafo 5.1.1);

il  20% della spesa effettivamente sostenuta, per investimenti realizzati da imprese classificabili come intermedie (cfr. paragrafo 5.1.1);

il 19% della spesa effettivamente sostenuta, per investimenti realizzati da un’impresa classificabile come grande impresa (cfr. paragrafo 5.1.1).

La misura prevede il sostegno per investimenti materiali o immateriali in impianti di trattamento, in infrastrutture vinicole e nella commercializzazione del vino, diretti a migliorare il rendimento globale dell’impresa e il suo adeguamento alla richiesta di mercato e ad aumentare la competitività delle imprese anche al fine di migliorare i risparmi energetici, l’efficienza energetica globale nonché trattamenti sostenibili. Gli investimenti finanziati con la misura riguardano la produzione o la commercializzazione dei prodotti vitivinicoli di cui all’allegato VII parte II del regolamento (UE) n. 1308/2013.

Destinatari del bando : Imprenditori agricoli, ai sensi dell’art. 2135 del c.c., singoli o associati  e  Imprese di trasformazione.

CLICCA QUI PER LEGGERE IL BANDO

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

Agevolazioni acquisto prima casa under 36

Per i giovani con meno di 36 anni e con Isee fino a 40mila euro annui, il Decreto Sostegni bis ha previsto l’esenzione dall’imposta di registro, ipotecaria e catastale per l’acquisto della prima casa. In caso di acquisto soggetto a Iva, è riconosciuto un credito d’imposta di ammontare pari al tributo corrisposto in relazione all’acquisto. Esenti dall’imposta sostitutiva, inoltre, i finanziamenti erogati per l’acquisto, la costruzione e la ristrutturazione delle abitazioni. Le agevolazioni si applicano agli atti stipulati tra il 26 maggio 2021 e il 30 giugno 2022

CLICCA QUI PER LEGGERE LA CIRCOLARE DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

DOMANDA UNICA 2021 (DOMANDA PAC) : DAL 16 OTTOBRE AL VIA GLI ANTICIPI DEL CONTRIBUTO

A decorrere dal 16 ottobre 2021, anticipi fino al 70% dei pagamenti diretti nell’ambito dei regimi di sostegno elencati nell’allegato I del Reg. (UE) n. 1307/2013 per quanto riguarda le domande presentate nel 2021.

L’erogazione degli anticipi è subordinata alle verifiche delle condizioni di ammissibilità di cui all’art. 74 del Reg. (UE) n. 1306/2013. Sono resi disponibili nell’ambito delle funzionalità SIAN riservate agli Organismi pagatori gli esiti dei controlli SIGC.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA CIRCOLARE AGEA

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO – SOSTEGNI BISAGENZIA DELLE ENTRATE: anche per aziende agricoledomande dal 15 ottobre al 13 dicembre 2021

Le nuove agevolazioni spettano ai soggetti esercenti attività d’impresa, arte e professione o che producono reddito agrario, titolari di partita Iva e residenti o stabiliti in Italia, che nel 2019 abbiano conseguito un ammontare di ricavi o di compensi fra dieci e quindici milioni di euro. Ulteriore requisito per la richiesta del contributo “Sostegni” è l’aver registrato un calo di almeno il 30 per cento tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 e quello dell’anno 2019, mentre ulteriore requisito per la richiesta del contributo “Sostegni-bis alternativo” è l’aver registrato un calo di almeno il 30 per cento tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo 1° aprile 2020 – 31 marzo 2021 e quello del periodo 1° aprile 2019 – 31 marzo 2020. Non possono accedere ai contributi i soggetti la cui attività e partita Iva non risulti attiva alla data di entrata in vigore dei rispettivi decreti-legge, gli enti pubblici (art. 74 del Tuir), gli intermediari finanziari e le società di partecipazione (art. 162-bis del Tuir).

CLICCA QUI PER LEGGERE LA CIRCOLARE DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube