BIOLOGICO: PAP (programmi annuali di produzione).

La compilazione e l’invio telematico del PAP è stato prorogato al 15/05/2020, comunicato con il decreto del MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE. DG PQAI – PQAI 01 – Prot. Interno N.0006514 del 30/01/2020.
FATE ATTENZIONE PERO’: chi inizia il biologico con la campagna 2019/2020 è bene che lo faccia il prima possibile poichè la normativa comunitaria definisce il periodo di conversione di una azienda, dalla data di presentazione della notifica ai successivi 2 anni per le erbacee e 3 per le arboree; in questa fase i prodotti provenienti da coltivazioni non possono essere etichettati come prodotti biologici, ad eccezione dei prodotti vegetali e derivati che possono riportare la dicitura “prodotti in conversione all’agricoltura biologica”. Cio’ significa ad esempio che se un’azienda presenta la notifica il 1 febbraio, il suo prodotto sarà biologico dopo 3 anni, quindi perderebbe un anno, vendendo il prodotto come in conversione e non biologico.

CLICCA QUI PER LEGGERE IL DECRETO

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

Promozione di prodotti agricoli: fondi UE per 181,4 milioni di euro

Per quanto riguarda i soggetti interessati, si evidenzia che possono presentare domanda di accesso agli incentivi le organizzazioni professionali o le interprofessionali, le organizzazioni di produttori o le associazioni di organizzazioni di produttori e gli organismi del settore agroalimentare che hanno sede negli Stati membri dell’Ue.
Con riferimento alle tipologie di attività ammissibili oggetto delle azioni di informazione e promozione, si segnalano le seguenti:

gestione del progetto;
relazioni pubbliche;
eventi stampa;
sito web, social media (configurazione, manutenzione, aggiornamento del sito web,configurazione degli accounte pubblicazione regolare di post);
pubblicità (stampa ,Tv, radio, online e attività in ambienti esterni);
strumenti di comunicazione (pubblicazioni, kit mediatici, gadget promozionali e video promozionali);
eventi (stand in fiere, seminari, workshop, incontri tra imprese, formazioni commerciali/corsi di cucina, attività nelle scuole, settimane dei ristoranti, sponsorizzazione di eventi e viaggi di studio in Europa);
promozione presso i punti vendita (giornate di degustazione);
altro (promozione nelle pubblicazioni destinate ai dettaglianti, pubblicità presso i punti vendita).

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

RETE D’INFORMAZIONE CONTABILE AGRICOLA EUROPEA SUI REDDITI E SULL’ECONOMIA DELLE AZIENDE AGRICOLE

stituzione di una rete d’informazione
contabile agricola sui redditi e sull’economia delle aziende agricole nell’Unione europea
L’orientamento tecnico-economico e la dimensione economica delle aziende devono essere determinati sulla base di
un criterio economico. È opportuno utilizzare la produzione standard di cui all’articolo 5 ter, paragrafo 2, del
regolamento (CE) n. 1217/2009 e introdurre, a tal fine, il concetto di «coefficiente di produzione standard». È
necessario che i coefficienti di produzione standard siano stabiliti per prodotto e in linea con le variabili delle
statistiche integrate sulle aziende agricole elencate nell’allegato III del regolamento (UE) 2018/1091 e descritte
nell’allegato I del regolamento di esecuzione (UE) 2018/1874 ed è altresì necessario stabilire una concordanza tra le
variabili di tali statistiche integrate e le rubriche della scheda aziendale della rete di informazione contabile agricola
(RICA). È opportuno definire nel regolamento di esecuzione (UE) 2015/220, anziché nel regolamento (UE)
2018/1091, i prodotti per i quali occorre stabilire un coefficiente di produzione standard.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA NORMA EUROPEA

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

SOSTEGNO DEL MERCATO AVICOLO NEI SETTORI DELLE UOVA E DELLE CARNI DI POLLAME IN ITALIA.

SOSTEGNO DEL MERCATO AVICOLO NEI SETTORI
DELLE UOVA E DELLE CARNI DI POLLAME IN ITALIA.
: MODALITÀ DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO UE N. 2019/1323 DEL 2 AGOSTO 2019
DOMANDE entro il 16 marzo 2020, con modalità stabilite
da ciascun Organismo pagatore
Si elenca, di seguito, la documentazione che i richiedenti dovranno accludere ai modelli di domanda,
predisposti da ciascun Organismo pagatore, per le misure oggetto di aiuto e nell’arco temporale
stabilito dal regolamento di esecuzione UE n. 2019/1323:
– Distruzione di uova da cova: copia della certificazione emessa dalle imprese di smaltimento e copia del registro dell’incubatoio compilato ai sensi del regolamento (CE) n. 617/2008, nonché ogni documento atto a comprovare il danno indiretto subito. Nel caso in cui le uova distrutte non abbiano potuto raggiungere l’incubatoio per divieti alla movimentazione occorre allegare copia della certificazione emessa da imprese di smaltimento e copia del registro di allevamento;
– Trasformazione di uova da cova, uova da allevamento in gabbia e uova da allevamento a terra, anche all’aperto e biologiche, in ovoprodotti: copia dei documenti di trasporto relativi alla consegna di uova da cova presso il centro di sgusciatura o di disidratazione e copia del registro dell’incubatoio compilato ai sensi del regolamento (CE) n. 617/2008, nonché ogni documento atto a comprovare il danno indiretto subito. Nel caso in cui le uova trasformate non abbiano potuto raggiungere l’incubatoio per divieti alla movimentazione occorre allegare copia dei documenti di trasporto al centro di sgusciatura o di disidratazione e copia del registro di allevamento;
– Mancato accasamento di pollame per tacchina da ingrasso, tacchino maschio da ingrasso, faraona, pollo da carne, anatra da ingrasso, gallina ovaiola allevata in gabbia, gallina ovaiola allevata a terra, pollastra allevata in gabbia, pollastra allevata a terra: copia del registro di allevamento, nonché ogni altro documento atto a comprovare il danno indiretto subito. Con riferimento alla richiesta di indennizzo non saranno oggetto di pagamento i giorni di vuoto biologico, come stabilito dall’ordinanza del Ministero della Salute del 26 agosto 2005 “Misure di polizia veterinaria in materia di malattie infettive e diffusive dei volatili da cortile” e s.m.i.. Inoltre, come già stabilito dal MIPAAF con nota n. 4004 del 3 luglio 2015, con riferimento al vuoto biologico da rispettare nelle unità di allevamento, si precisa che i giorni di vuoto vanno detratti e non indennizzati solo nel caso in cui il capannone sia stato appena svuotato al termine dell’ordinario ciclo di allevamento. Per contro, nel caso in cui lo svuotamento sia avvenuto a causa dell’abbattimento degli animali per le misure dell’aviaria l’indennizzo è concesso per tutto il periodo del vuoto sanitario. Il riconoscimento del vuoto sanitario deve considerare tutti i sette giorni della settimana e devono essere conteggiate anche le frazioni di settimana.
– Soppressione di pollo, pollo rurale, tacchina e tacchino maschio: copia della certificazione emessa da imprese di smaltimento. Nel caso di pulcini, copia del registro dell’incubatoio compilato ai sensi del regolamento (CE) n. 617/2008 e ogni documento utile a dimostrare il danno indiretto subito. – Perdita di produzione di riproduttori (per pollo da carne e tacchino): copia del registro di allevamento; copia della documentazione di movimentazione dei riproduttori e delle uova da cova compilata ai sensi del regolamento (CE) n. 617/2008, nonché ogni altro documento atto a comprovare il danno indiretto subito; – Prolungamento della durata di allevamento dovuto al divieto di trasferimento per pollastra standard, pollo da carne standard, cappone di dimensione fuori standard, tacchino e per giovane tacchino di dimensioni fuori standard: Copia del registro di allevamento nel quale si evidenzia il prolungamento di allevamento, con indicazione dei capannoni interessati e ogni documento utile a dimostrare il danno subito. Eventualmente copia del contratto di natura commerciale concernente la fornitura di animali. Al fine di garantire la corretta applicazione del Regolamento di esecuzione (UE) 2019/1323 del 2 agosto 2019, si segnala che nella versione in lingua italiana è presente un errore di traduzione. Infatti, all’articolo 3, paragrafo 1), lettera b), punto iii) viene erroneamente indicato un importo di 3,06 euro alla settimana per cappone di dimensione fuori standard, mentre nella versione inglese viene correttamente indicato un importo di 3,06 euro per cappone di dimensioni fuori standard.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA CIRCOLARE AGEA

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

DISSESTO IDROGEOLOGICO E SISTEMAZIONE RETE VIARIA RURALE: contributi dal PSR Marche.

DISSESTO IDROGEOLOGICO E SISTEMAZIONE RETE VIARIA RURALE: contributi dal PSR Marche.
A TUTTI I COMUNI E LE IMPRESE AGRICOLE CON Gli Accordi Agroambientali d’Area .
CHI NON SI ORGANIZZA IN TEMPO PERDERA’ I FINANZIAMENTI: QUESTO E’ DA MONITO PER COMUNI ED IMPRESE AGRICOLE. AFFIDATEVI A PROFESSIONISTI, PER NON AVERE SCUSE E PARTECIPATE AL BANDO.
Tasso di aiuto: 60% per la viabilità rurale, con una maggiorazione del 20% per le aree montane
100% per la viabilità forestale
Sottomisura 4.3 – FA 2A: Sostegno a investimenti nell`infrastruttura necessaria allo sviluppo, all`ammodernamento e all`adeguamento dell`agricoltura e della silvicoltura Operazione A) – Viabilità rurale – AAA TSDA
Misura 4.3.1 A Viabilità rurale e forestale
• il massimale di contributo richiesto non può superare € 250.000,00 per accordo;
• gli interventi previsti nel progetto devono dimostrare l’efficacia degli stessi rispetto alla prevenzione dei fenomeni di dissesto idrogeologico;
• deve essere evidenziata la superficie territoriale che si avvantaggia delle azioni attivate con la misura 4.3.1 A (delimitazione della specifica AGT di cui alle Linee Guida).
Misura 8.3. Azione 2 Investimenti destinati a ridurre il rischio idrogeologico
Bando di riferimento: DDS 310 del 15/10/2018.
Elementi specifici che modificano o integrano il bando:
• la superficie di riferimento per il progetto sarà quella geografica derivata dall’individuazione dell’AGT di cui alle linee guida;
il massimale di contributo non può superare gli € 100.000,00 per singolo accordo.

CLICCA QUI PER LEGGERE I BANDI PSR MARCHE

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

NUOVA PAC: in vigore dal 1 gennaio 2022.

NUOVA PAC: in discussione la nuova PAC da parte degli stati membri dell’Unione Europea; molte teorie, molte opzioni , ma a noi non ci interessa e vi spiego il perchè.

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

ASSEGNAZIONE GASOLIO AGRICOLO 2020 : alcune novità per la REGIONE MARCHE.

Le aziende agricole che si apprestano alla richiesta dell’assegnazione gasolio agricolo anno 2020 devono ottemperare ad alcuni adempimenti:
1) per avere l’assegnazione del gasolio per le irroratrici e gli atomizzatori, occorre caricare nella scheda delle attrezzature, il certificato del controllo funzionale rilasciato dal Centro Controllo Funzionale delle irroratrici e degli atomizzatori
2) per ricevere il gasolio ai fini dell’irrigazione dei campi, occorre caricare il permesso di irrigazione rilasciato dagli organi di competenza , quali la regione (la richiesta del permesso i irrigazione si presenta nel portale SIAR).
3) per ricevere il gasolio per lo spargimento del letame e dei liquami, occorre avere effettuato la comunicazione del PUA (piano di utilizzazione agronomica) attraverso il portale SIAR e poi allegarlo alla richiesta di gasolio agricolo.
4) attenzione alle rimanenze: il calcolo delle rimanenze si ottiene dalle date del prelievo del carburante e dalle operazioni colturali previste dal piano colturale inserite nella richiesta dell’anno precendente. QUESTO CALCOLO E’ FONDAMENTALE.
5) per tutti i macchinari e le attrezzature da caricare , occorre inserire: marca, modello, telaio e allegare: fattura, noleggio, ecc. NON E’ PIU’ CONSENTITO INSERIRE L’AUTOCERTIFICAZIONE DI PROPRIETA’.

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

La cartografia catastale, ora è anche a portata di App

Per visualizzare una mappa è sufficiente avere una semplice connessione Internet e accedere al Geoportale, il sito dedicato che ospita uno straordinario patrimonio di conoscenze del territorio
Un paio di click sono più che sufficienti per visualizzare la mappa e navigare dinamicamente tra particelle, fabbricati, acque e strade, che probabilmente molti immaginano ancora impressi sulla carta e chiusi in qualche polveroso armadio. Oggi è invece possibile da un qualunque smartphone o tablet muoversi dinamicamente sull’intera cartografia catastale, uno straordinario patrimonio di conoscenze del territorio costituito da oltre 85 milioni di particelle e circa 18 milioni di fabbricati, che costituiscono una tassellazione dell’intero territorio nazionale (a eccezione delle zone gestite, per delega dello Stato, dalle Province autonome di Trento e di Bolzano).

CLICCA QUI PER ACCEDERE

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

SETTORE UOVA E CARNI DI POLLAME: Decreto ministeriale 15 gennaio 2020 , n.383 ( Aviaria)

sostegno del mercato nei settori delle uova e delle carni di
pollame in Italia.

sono applicabili alle seguenti categorie
merceologiche: Pollo, Faraona, Anatra, Gallina ovaiola, Pollastra, Cappone, Pulcino e
Tacchino ed alle uova, da consumo e da cova, del genere Gallus.
Possono presentare domanda per usufruire delle compensazioni dei danni, i seguenti
soggetti:
a) imprese produttrici di uova da cova;
b) imprese produttrici di pulcini (incubatoi);
c) imprese di allevamento di pollastre, ovaiole e di pollame da carne delle specie di cui
all’art. 1;
d) centri d’imballaggio di uova.
i richiedenti devono dimostrare i danni subiti in conseguenza dell’attuazione delle misure sanitarie messe in atto per contenere l’epidemia di influenza aviaria ad alta patogenicità del sottotipo H5, nel periodo compreso tra il 1° ottobre 2017 ed il 30 giugno 2018.
Le dichiarazioni e la documentazione di cui al comma 4, in relazione al tipo di sostegno richiesto, si riferiscono alle categorie merceologiche previste dall’articolo 3, paragrafo 1 del Regolamento di esecuzione (UE) n. 2019/1323 e:
a) al numero di uova distrutte, inviate alla trasformazione o declassate;
b) al numero di pulcini soppressi;
c) al numero di animali, riproduttori o da allevamento, macellati anticipatamente;
d) alla quantificazione del prolungamento del vuoto sanitario e mancato accasamento;
e) alla perdita di valore degli animali venduti fuori standard;
f) ai maggiori costi di produzione per prolungato accasamento.

CLICCA QUI PER LEGGERE IL DECRETO

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

DOMANDA DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA: e’ operativo il sistema INPS dal 7 gennaio per presentare le domande.

Domande di indennità di disoccupazione e/o assegno per il nucleo familiare per i lavoratori dipendenti agricoli: apertura del servizio per la trasmissione telematica delle domande in competenza 2019

Con il presente messaggio si comunica che dal giorno 7 gennaio 2020 è operativo il servizio per la trasmissione telematica delle domande di indennità di disoccupazione e/o assegno per il nucleo familiare per i lavoratori dipendenti agricoli in competenza 2019.
È possibile, pertanto, trasmettere le domande in argomento utilizzando gli sportelli telematici a disposizione, sia on-line (da Patronato e da Cittadino) che off-line (lotti e cooperazione
applicativa).

CLICCA QUI PER LEGGERE IL MESSAGGIO DELL’INPS

Dott. Alessio Santoni

Dott. Alessio Santoni , laureato in scienze agrarie , libero professionista

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube